COME FUNZIONA

Sono sempre di più le famiglie che, per improvvisi problemi di lavoro, sociali o di salute, non riescono più a far fronte alle spese della vita quotidiana. Alcuni di loro arrivano ai nostri sportelli, conosciamo le loro storie, i loro volti. 

Il Banco dell’energia in collaborazione con Fondazione Cariplo, sostiene progetti a favore delle famiglie, supportandole in un percorso di recupero a 360 gradi e aiutandole anche attraverso la distribuzione di beni di prima necessità o con il pagamento di spese urgenti, come le bollette di luce e gas (di qualunque operatore energetico).

Le difficoltà sono tante e sono ovunque. Per raggiungere il maggior numero possibile di persone, c’è bisogno dell’aiuto di tutti: per questo il Banco dell’energia ha promosso una campagna di raccolta fondi rivolta a dipendenti, clienti, fornitori, partner di A2A e a tutti coloro che vogliano donare energia a chi ha visto diminuire improvvisamente il proprio reddito per aiutarlo a ripartire. 

Per la prima volta in Italia la bolletta diventa uno strumento per donare.

I clienti A2A Energia con contratto elettricità (mercato libero) o gas (mercato libero e tutelato) per la propria casa potranno riscaldare l’inverno di una famiglia in difficoltà, donando l’equivalente di due settimane di luce o di una settimana di calore.

Scopri come contribuire anche tu alla donazione di energia e calore.

I fondi raccolti saranno interamente utilizzati per sostenere progetti a favore delle persone in difficoltà, grazie al supporto di una rete di Organizzazioni Non Profit, selezionate tramite bando in base alla propria esperienza, serietà e affidabilità. 

 Finalità del bando è contribuire ad alleviare e contrastare la povertà e la vulnerabilità sociale, tramite interventi in grado di intercettare precocemente le persone e le famiglie fragili e favorire la loro riattivazione attraverso misure personalizzate. In un’ottica di welfare promozionale, il bando sosterrà percorsi di inclusione sociale e lavorativa che sappiano valorizzare le capacità e potenzialità delle persone vulnerabili di cui sono portatori; i percorsi dovranno prevedere il coinvolgimento dei beneficiari in iniziative puntuali grazie alle quali potranno rafforzare relazioni rilevanti all’interno della propria comunità e attivarsi in azioni di “restituzione” a beneficio della collettività in cui vivono.

Sei un’Associazione Non Profit? Scarica il pdf del bandoCandidati